Tutte le razze di gatti

“Contenuto articolo”[“Nascondi”]

Attualmente nel mondo si contano più di 50 razze di gatti, ognuna con le proprie peculiarità fisiche e caratteriali. Tutte le razze di gatti sono suddivisibili in due grandi categorie in base all’origine e al luogo di provenienza.

Razze naturali di gatti

Le razze di gatti naturali, come l’Europeo, il Mau egiziano, il Siberiano, il Norvegese delle foreste, il Manx, l’Angora turco, il Bobtail giapponese o il Turco Van, e l’americano Maine Coon si sono evolute attraverso i secoli grazie a una serie di mutazioni genetiche spontanee.

Mau egiziano

Esse continuano a essere presenti nei territori d’origine, rimangono tuttora piuttosto fedeli ai tratti originali della razza. Le razze naturali del gatto domestico a pelo lungo o a pelo corto, tendono ad essere più forti e robuste rispetto a quelle selezionate dall’uomo. Queste razze di gatti sono riconosciute da tutte le principali associazioni.

Razze artificiali di gatti

Le razze artificiali di gatti derivano dal tentativo da parte dell’uomo di migliorare l’aspetto o il carattere di una determinata razza naturale di gatti al gruppo delle razze artificiali appartiene: l’Esotico, il Ragdoll, il Bengala, il British Shorthair, il Persiano, l’Ocicat e il Devon rex.

British Shorthair

Oltre alla suddivisione primaria tra le razze naturali dei gatti e quelli artificiali, ne esiste un’altra operata in base ai luoghi di origine.

Razze orientali di gatti

Gli esemplari del gruppo delle razze orientali di gatti, al di là della razza specifica cui appartengono, presentano un corpo snello e hanno il pelo liscio e corto. Tra le principali razze di gatti abbiamo il Siamese, il Balinese, il Bengala, il Ceylon e il Burmese.

Gatto Siamese

Razze occidentali di gatti

Quasi tutte le razze occidentali di gatti, come ad esempio il Racdoll, lo Sphynx, l’American curl, il Bobtail americano, l’American Wirehair e molte altre, provengono dall’America e dalla Gran Bretagna. Le razze di gatti propriamente europee non sono moltissime, ma tra queste ce ne sono alcune molto belle come il British Shorthir, il Certosino, il Cornish rex, il Burmilla, il Cymric, il Blu di Russia, il Devon rex, il Manx, il Donskoy, il Germal rex, il Maine Coon e lo Scottish Fold.

Maine Coon

La selezione di tutte le razze di gatti ha portato a ottenere, nell’ambito di una stessa razza, degli esemplari dal comportamento più uniforme e più prevedibile. Ciò permette di scegliere la razza preferita in base al carattere.

Associazioni delle specie di gatti

Diverse associazioni, nazionali e internazionali, registrano le caratteristiche delle specie di gatti per scopi espositivi riproduttivi. A livello nazionale una delle più prestigiose è il Governing Council of the Cat Fanciers’Association (GCCF), mentre a livello internazionali le principali organizzazioni sono la Cat Fanciers’ Association (CFA), la Fèderation Internationale Fèline (FIFE), la TICA (The International Cat Association) e l’American Cat Fanciers Association (ACFA).

Allevamento di gatti

Chi è appassionato di una razza specifica, potrebbe desiderare di poter creare un proprio allevamento di gatti, ma per selezionare una razza servono pazienza, impegno e dei costi. Bisogna quindi, documentarsi bene frequentando esposizioni feline e parlare con gli allevatori di gatti per avere tutte le delucidazioni del caso. Per essere sicuri di trovare il partner adatto è consigliabile rivolgersi ai club di razza per contattare gli allevatori più affidabili che vi metteranno in contatto con altri proprietari.

Pedigree gatti

Il pedigree per i gatti, rappresenta il documento che certifica l’albero genealogico, cioè l’elenco completo degli ascendenti paterni materni di un gatto. Pedigree deriva dal francese pied du grue, “zampa di gru”, in riferimento ai segni grafici usati per rappresentare le ascendenze familiari. I gatti con pedigree sono classificati come gatti di razza.

Il DNA del gatto

Il DNA del gatto è costituito da 38 cromosomi, organizzati in 19 coppie. 18 coppie hanno una struttura parallela, sono omologhe (simili) e non sessuali. La 19ª determina il sesso. Nella femmina è costituita da 2 cromosomi X, nel maschio da uno X e uno Y.